Circa tre anni fa mi sono ammalato di Leucemia Mieloide Acuta. Oggi, dopo tre chemioterapie vissute in regime di isolamento ed alcuni mesi di cure, sono nel limbo che sta tra la remissione e la guarigione dalla malattia. Così ho deciso di affrontare la paura, tornare in reparto e cercare di ritrovare una parte di me. In questo mio cammino a ritroso, mi sono imbattuto in Sabrina. Lei era nelle stanze che mi avevano ospitato. Insieme abbiamo deciso di percorrere la sua battaglia, uno appoggiato alla spalla dell’altro, bisognosi entrambi di confronto e conforto, alla ricerca di quell’attimo in cui si smette di essere pazienti e si torna esseri umani...

Questo film vuole affrontare la malattia come percorso, Motore di cambiamenti radicali e momento per ripensare a se stessi e al proprio posto nel mondo. L'autore, alla sua opera prima, si mette in gioco ripensando al suo approccio alla vita, ancora cauto e spaventato nonostante la nascita di una figlia, e divente agli occhi dei pazienti la rappresentazione tangibile di una persona restituita pienamente alla vita.
L'accessibilità agli spazi e ai protagonisti, nonché il punto di vista interno alla storia e l'urgenza del racconto, garantiscono unicità e originalità all'opera dal punto di vista autoriale.
Il documentario avrà un approccio cinematografico che permetterà di raccontare una tematica così difficile in modo delicato, tentando di avvicinare all'argomento anche un pubblico generalista.
Dal lato produttivo, lo stretto legame con l'ambiente medico ci permetterà di mettere in campo, oltre alle forme di finanziamento consolidate (tv, fondi), anche nuovi soggetti privati che crediamo possano intervenire economicamente nel piano finanziario del film e che hanno già dimostrato interesse per il progetto (Fondazione Ordine Mauriziano).

Regia
Lucio Viglierchio
Soggetto
Lucio Viglierchio
Sceneggiatura
Lucio Viglierchio
Fotografia
Sandro De Frino
Montaggio
Musica originale
Massimo Volume
Operatore
Fabio Colazzo, Lucio Viglierchio
Interpreti
Sabrina Caggiano, Alessandro Cignetti, Benedetto Bruno, Cristina Mentone, Venusca Mungo
Direttore di produzione
Organizzatore generale
Produzione
Zenit Arti Audiovisive (Torino) in associazione con Rai Cinema,
con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte e della Regione Piemonte (Piemonte Doc Film Fund - Fondo regionale per il documentario – sviluppo giugno 2013 e produzione giugno 2014) e della Fondazione Scientifica Mauriziana onlus, in collaborazione con l'associazione AIPE - la speranza e con il patrocinio della Città di Torino.
Distribuzione
Zenit Arti Audiovisive
Premi e festival

In concordo nella sezione "Documentari" ai David di Donatello 2015-2016

Contatti
Francesca Portalupi (Zenit Arti Audiovisive)