Mamadou è un giovane di origine senegalese che vive a Torino dove esercita l’attività di cabu-cabu, una sorta di taxista abusivo utilizzato esclusivamente dalla comunità africana. Talvolta Mamadou è costretto ad accettare dei lavoretti extra per dei soggetti poco raccomandabili. Un giorno, deve consegnare una borsa sospetta dall’altra parte della città, ma è distratto dalla vista di Aaida, una bellissima ragazza di origini nigeriane. L’incontro degli sguardi dei due giovani darà il via ad una serie di incontri e scontri con altre persone che saliranno sul taxi giallo-oro di Mamadou facendogli ritardare la consegna della borsa. Quando la giornata terminerà, Mamadou rimarrà senza il suo adorato taxi e tornerà a casa a piedi con Ernesto, un nuovo amico e, forse, con un futuro appuntamento con Aaida.

Cabu Cabu affronta, con il linguaggio della commedia, un classico ostacolo nel percorso interculturale: la resistenza ad incontrare l’altro, motivata dalla diffidenza, dalla paura, dall’apparente mancanza di punti in comune. Spesso, quando si riesce ad andare oltre, a superare le barriere - i maledetti muri come direbbe Fossati - ci si dimentica delle razze e della geografia e si incontra finalmente l’individuo nella sua interezza, complessità e soggettività. In questa storia, degli elementi fortuiti costringono i protagonisti ad interagire tra di loro, nonostante le distanze culturali e anagrafiche. Nonostante le disavventure, il ritorno a casa sarà umanamente gratificante per i protagonisti.
Cabu Cabu è la prima produzione di Esserci StoryLab, il neonato settore di produzione cinematografica di Esserci scs.

Soggetto
Roberto Ariagno, Fabrizio Daffara, Alberto Dessimone
Sceneggiatura
Roberto Ariagno, Fabrizio Daffara, ALberto Dessimone
Fotografia
Montaggio
Francesco Petrucco
Scenografia
Alberto Frassinelli, Leonardo Boniforti (Laboratorio Dui Toc)
Costumi
Alessandro Baro
Trucco
Rabab Bouchir
Interpreti
Direttore di produzione
Sonia Cilia
Organizzatore generale
Barbara Adriano, Fabiana Antonioli
Produzione esecutiva
Produttore
Roberto Ariagno, Fabrizio Daffara, Alberto Dessimone
Produzione
Esserci StoryLab