Helikon è un progetto crossmediale che racconta il mondo della scrittura e descrive una Torino magica, inquietante e seducente. Helikon racconta la storia di Daniel Corvi, un giovane scrittore alle prese con un blocco creativo che appare insormontabile. Daniel supererà il blocco e intraprenderà il percorso che ha sempre sognato in direzione del successo e della realizzazione artistica, ma vi sarà un terribile costo morale da pagare per la
sua vittoria. In uno scenario costellato di palazzi d'epoca, caffè letterari e indizi che si rifanno alla tradizione torinese più esoterica e spaventosa, la storia di Daniel Corvi ci accompagna, con atmosfere alla Argento e Polański, lungo una discesa verso i luoghi della psiche dove uno scrittore è costretto a mettere in discussione la sua integrità e sanità mentale.

Helikon è un progetto crossmediale che fonda la sua struttura principale sulla moltiplicazione dei punti di vista, delle linee narrative intrecciate e sulla manipolazione letteraria di mezzi espressivi molto diversi tra loro. Il cuore narrativo del progetto passa attraverso gli episodi di una webserie che mescola il mistery tradizionale, che tanto successo ha riscosso nel mercato televisivo italiano, e alcuni elementi tipici del thriller moderno, forse i due codici narrativi più affermati e di successo nell’attuale
panorama produttivo internazionale. Come sfondo a vicende estremamente umane e a sensibilità e atmosfere con cui lo spettatore medio può immediatamente confrontarsi.

Nelle intenzioni degli autori, la città di Torino ha uno spazio
rilevante e centrale nel progetto. Sia nella trama sia nelle soluzioni registiche, la città è inserita all'interno di una strategia di valorizzazione di Torino come set naturale, aggregatore di professionalità di alto livello e portatrice
di una tradizione culturale, letteraria e cinematografica a cui è possibile accedere.
Il Giallo italiano e il thriller di matrice italiana sono tra i generi più apprezzati e richiesti a livello internazionale, in particolare all’interno della community degli appassionati di horror e thriller.
Helikon esplora questi generi, e permette dunque di catturare una rilevante area di target potenziale.
Attraverso lo sviluppo di una raccolta di racconti e romanzi brevi, l’interazione crossmediale con il medium letterario prevede il già confermato coinvolgimento del collettivo torinese di scrittori giallo e horror Torinoir.
Con la supervisione del team creativo di Helikon e della casa editrice torinese Golem Edizioni, gli autori di Torinoir
produrranno un’antologia nella quale si caleranno nella parte dei personaggi della webserie: un circolo di scrittori di successo che nasconde un oscuro segreto.

Il progetto intende affondare le sue radici nel legame tra territorio e letteratura e nel significato più profondo di “parlare attraverso mezzi comunicativi apparentemente molto lontani fra loro”. Nelle intenzioni degli autori, la città di Torino ha uno spazio rilevante e centrale nel progetto.
Nel presentare la sua “mitologia” di base, la volontà del progetto è quella di stimolare la lettura in un pubblico solitamente abituato a stimoli e offerte più accessibili, come il mondo del web e l’apparato di contenuti video che si struttura attorno a canali di
comunicazione come YouTube e Social Media.
In questo senso, Helikon intende restituire attivamente a un pubblico giovane il valore del “piacere della lettura” e scavare nelle profondità di ciò che significa “sapere scrivere”: edificare mondi con la propria immaginazione, essere in grado di muoversi al loro interno come se ne fossimo artefici e padroni.

Regia
Taiyo Yamanouchi
Soggetto
Alessandro Regaldo, Taiyo Yamanouchi
Sceneggiatura
Davide Mela, Alessandro Regaldo, Taiyo Yamanouchi
Montaggio
Alessandro Pisani
Musica originale
Interpreti
Stefano Accomo, Francesca Cassottana, Jacopo Crovella, Elena Cascino.
Direttore di produzione
Organizzatore generale
Produttore
Alessandro Regaldo
Produzione
sviluppato nell'ambito dei New Media Days 2015-2016 (Film Commission Torino Piemonte, con il sostegno di Compagnia di San Paolo), con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte, Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, Regione Piemonte - Assessorato Regionale alle Politiche giovanili – “Under 35 Digital Video Contest – Giovani protagonisti"