A partire dal 2011, un gruppo di ecoturisti e volontari ha iniziato a raccogliere l'immondizia abbandonata dal turismo di massa sulle cime dell'Himalaya in Nepal. Sono i Green Soldiers, l'esercito condotto da Achut Gurung, che, come in una versione bollywoodiana del Don Quixote combatte contro mulini di plastica sotto ai quali si nasconde indifferenza, derisione, ignoranza, una cronica mancanza di infrastrutture ma soprattutto una graduale ed inesorabile perdita di identità culturale.
Oggi, ispirati da quella visione, i Green Soldiers vogliono lasciare un segno indelebile, riappropriarsi di un simbolo antico per ricostruire armonia e bellezza partendo
proprio da quello che tutti considerano solo uno scarto: il 3 maggio 2014 dopo mille traversie, annunci radio televisivi, intoppi, autorizzazioni e benedizioni mai arrivate, al centro di una delle piazze più sacre di Kathmandu i Green Soldiers realizzano un enorme Mandala, non di sabbia, ma con la plastica proveniente dai quattro angoli del Nepal.

Dopo aver realizzato documentari che guardavano al passato eravamo alla ricerca di una storia che parlasse dei problemi del nostro presente, ma che allo stesso tempo ci permettesse di parlarne con uno sguardo altro, distante dal nostro.
Il nostro film non voleva semplicemente mostrare la nascita di un gruppo di attivisti che lottano per salvaguardare la propria terra. Voleva parlare di uno scontro tra la cultura del consumo e del progresso incontrollato, di cui noi eravamo i portatori, e un’altra legata a tradizioni, culti e usanze che stanno rischiando di scomparire proprio a causa di questa influenza. Perché oggi il Nepal è apparso ai nostri occhi nel mezzo di una transizione traumatica. In bilico tra un modello che era in grado di autogestirsi e uno che sta accogliendo gli agi ma anche le incongruenze di un mondo fatto di nuovi miti e consumi.
Non abbiamo trovato una soluzione a questo problema, ma abbiamo documentato il tentativo di trovare una terza via, simboleggiata idealmente dalla creazione di un enorme Mandala interamente fatto di plastica.

Fotografia
Altri credits
Emanuele Segre (Animazioni, Post produzione)
Interpreti
Green Soldiers, Lama Tashi
Direttore di produzione
Organizzatore generale
Produzione esecutiva
Produzione
Zenit Arti Audiovisive (Torino) in associazione con Docabout
con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte e della Regione Piemonte (Piemonte Doc Film Fund - Fondo regionale per il documentario - produzione dicembre 2014). In collaborazione con Rai 3.
Distribuzione
Zenit Arti Audiovisive
Premi e festival

In concordo nella sezione "Documentari" ai David di Donatello 2015-2016

Contatti
Francesca Portalupi