Fai bei sogni è la storia di una difficile ricerca della verità e allo stesso tempo la paura di scoprirla.
La mattina del 31 dicembre 1969, Massimo, nove anni appena, trova suo padre nel corridoio sorretto da due uomini: sua madre è morta. Massimo cresce e diventa giornalista. Dopo il rientro dalla Guerra in Bosnia dove era stato inviato dal suo giornale, incontra Elisa. La vicinanza di Elisa aiuterà Massimo ad affrontare la verità della sua infanzia ed il suo passato.

Questo film nasce da un libro “Fai  bei  sogni” di Massimo  Gramellini, grande successo editoriale degli anni scorsi (e ne è sostanzialmente fedele cioè ai fatti e agli affetti che il libro descrive).
Ma non è questo il motivo che mi ha convinto (l’essere cioè un best seller), ma il tema, il dramma che il romanzo contiene.
La morte della mamma, l’essere orfani quando si è ancora bambini. Il dolore di Massimo che perde la mamma adorata a nove anni (adorata nel doppio senso di un amore, che Massimo  sente  ricambiato, assoluto ed esclusivo), la sua ribellione a questa tragedia ingiusta, poi, col passar del tempo, il suo adattamento per sopravvivere a questa perdita incomprensibile. Adattamento alla vita che ha un costo pesante per Massimo perché oscura, riduce, proprio per la  necessità di difendersi per sopravvivere, la sua capacità di amare, la raffredda, la annulla con dei danni che si prolungheranno nell’adolescenza e poi nella sua vita adulta.
Finché questa corazza di indifferenza, per circostanze complesse e incontri solo apparentemente casuali, non incomincerà ad incrinarsi.
Massimo, già grande affermato giornalista, si “risveglia”,  riaffronta  il suo dolore “primario” fino alla scoperta finale, vero colpo di scena che non va raccontato (ma che chi ha letto il libro, e sono tanti, già conosce).
Si potrebbe parlare di “guarigione”, preferisco più prudentemente parlare di un principio reale di cambiamento... E poi i cambiamenti, le “guarigioni” sono  sempre instabili, ci possono essere delle ricadute, sempre.
Questa storia mi ha molto colpito, coinvolto, perché vi ritrovo tanti temi che ho affrontato spesso nei miei film precedenti... La famiglia, la mamma (distrutta anche materialmente, proprio assassinata), il babbo, la casa dove si svolge la metà del film, la casa in epoche diverse, trent’anni almeno, nei quali l’Italia cambia radicalmente... E la vediamo l’Italia che cambia proprio anche dalle finestre di casa... E  infine Roma, Sarajevo, Torino, l’Italia vista e vissuta da  chi  fa di mestiere il giornalista.
Massimo è giornalista di un importante quotidiano nazionale, e cosa significa essere giornalista, cronista della realtà, freddo testimone, o volerne invece diventare in qualche modo appassionato interprete, questo è un tema, una domanda a cui il film cercherà di rispondere.

Marco Bellocchio

Regia
Marco Bellocchio
Soggetto
Adattamento del romanzo omonimo di Massimo Gramellini edito da Longanesi & C
Sceneggiatura
Valia Santella, Edoardo Albinati e Marco Bellocchio
Fotografia
Daniele Ciprì (Direttore della fotografia). Simone Martinetto (Fortografo di scena).
Montaggio
Francesca Calvelli
Scenografia
Marco Dentici (Scenografo). Marina Guerini (Aiuto Pittrice di preparazione e di scena)
Costumi
Daria Calvelli (Costumista); Benedetta Benfenati (Assistente ai costumi); Francesca Cibischino (Aiuto costumi aggiunta); Cristiana Fabris (Capo Sarta)
Musica originale
Carlo Crivelli
Suono
Gaetano Carito (Fonico di presa diretta, A.I.T.S.); Pierpaolo Lorenzo (Microfonista); Lilio Rosato (Montaggio presa diretta); New Digital Sound srl (Creazione suoni); Roberto Cappanelli (Fonico di mix)
Operatore
Matteo Carlesimo (Operatore alla macchina); Ersilia Boi (stagista aiuto operatore)
Trucco
Gino Tamagnini (Truccatore); Katia Lentini (Capo reparto nella parte girata a Sarajevo); Rosabella Russo (giornate assistenza).
Aiuto regia
Lucilla Cristaldi
Casting
Stefania De Santis (casting e acting coach - UICD); Sara Patti e Brenda Civico (Capogruppo).
Altri credits
Anastasia Michelagnoli (Sviluppo progetto). Germana Pierucci (Coordinatrice di produzione); Alessandra Curti (Location Manager); Luca Emanuelle Galzignato (Aiuto segretario di produzione) Mauro Tamagnini (Parrucchiere). Four Studios Communication (Teatro di posa). Antonio Marchese (Elettricista).
Interpreti
Valerio Mastandrea (Massimo), Bérénice Bejo (Elisa), Guido Caprino (padre di Massimo), Nicolò Cabras (Massimo bambino), Dario Del Pero (Massimo teenager), Barbara Ronchi (madre di Massimo) con Miriam Leone, Arianna Scommegna, Brunoo Torrisi, Manuela Mandracchia, Giulio Brogi, Roberto Di Francesco, Dylan Ferrario, Pier Giorgio Bellocchio e con la partecipazione di Emmanuelle Devos, Fausto Russo Alesi (Simone), Piera Degli Esposti, Roberto Herlitzka e Fabrizio Gifuni.
Organizzatore generale
Massimo Di Rocco
Produzione esecutiva
Simone Gattoni
Produttore
Beppe Caschetto
Co-produttore
Ad Vitam
Produzione
IBC Movie e Kavac Film (Roma) con Rai Cinema
Con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte; con la consulenza tax credit di FIP - Film Investimenti Piemonte; con il contributo del MiBACT e in associazione con "Impresa Pizzarotti & C. S.p.a." (ai sensi delle norme sul tax credit)
Distribuzione
01 Distribution [IT]
Arredamento
Lily Pungitore (Arredatore); Gretel Fatibene (Assistente all'arredamento)
Assistente al montaggio
Claudio Misantoni
Assistente alla regia
Daniele Fabrizi (2° assistente alla regia); Federico Scudeler (Stagista)
Assistente di produzione
Vendite internazionali
The Match Factory [DE]
Premi e festival

Nelle sale cinematografiche: 10 novembre 2016

Festival de Cannes 2016: Quinzaine des Réalisateurs - Film d'ouverture