Dopo aver combattuto nella guerra di Bosnia-Erzegovina per proteggere la sua Mostar e il Ponte, Mensud è impegnato in una nuova battaglia: trasmettere alle nuove generazioni il senso perduto dell’unità.
Divisa e avvelenata dal nazionalismo, Mostar non è più la Montmartre dei Balcani che era prima della guerra, ma due “ghetti” separati da un grande boulevard.
Sul campo della sua scuola calcio del Velez, la squadra storica di Mostar, Mensud guida un esercito di ragazzini, ma suo figlio Dzenan, uno degli allievi, sogna un ingaggio in Europa e una vita lontana dall’odio.

Una sera a Mostar da Marshall’s, dopo anni che gli amici di Nenad mi vedevano girare per la città, il suo amico Tito mi ha chiesto perché mi è venuta l’idea per questo film. Gli ho risposto che volevo raccontare alla mia migliore amica, fuggita da Mostar durante la guerra e volata a Los Angeles, che lo spirito della città pura e naive che lei ricordava non è morto; che ci sono ancora un pugno di mostarini che vogliono che Mostar sia la città di tutti, “dei serbi, dei croati e dei musulmani” e che si ostinano a trasmettere alle nuove generazioni gli ideali di “fratellanza e unità” con cui sono cresciuti; e che essere contagiata da questo pugno di mostarini faceva bene anche a me. 
Ora tutto ciò è scomparso, ma Nenad, i suoi amici, l’ambiente che ruota attorno al Velez trasudano ancora questi valori. Da qui che dobbiamo partire se vogliamo risolvere i conflitti nazionalistici o il razzismo che affligge i nostri Paesi e disinnescare la “bomba ad orologeria” su cui tutti quanti siamo seduti. Mostar United è un microcosmo che parla di tutti noi.

Periodo delle riprese: 2004 - 2008

Regia
Claudia Tosi
Soggetto
Claudia Tosi
Sceneggiatura
Claudia Tosi
Fotografia
Brand Ferro
Montaggio
Rasmus H?gdall M?lgaard
Musica originale
Daniele Rossi e Like a shadow
Musiche di repertorio
musiche popolari bosniache
Suono
Nenad Orucevic
Altri credits
Marco Torrisi (assistente alla post-produzione); Vladimir Rakic (sound design); Fulvia Troja (fotografo di scena) || Materiale di repertorio: Superottimisti - Archivio regionale di film di famiglia (immagini di repertorio)
Direttore di produzione
Petra Seliskar
Organizzatore generale
Elena Filippini
Produzione esecutiva
Elena Filippini e Stefano Tealdi
Produttore
Edoardo Fracchia
Co-produttore
Petra Seliskar Pan Film Production (Slovenia) e Multicanal Iberia s.l.u. In associazione con Lichtpunt, YLE FST, NRK, RTV BiH Bosnia-Erzegovina, RTV Slovenija, TSI
Produzione
con il sostegno di Slovenian Film Fund, Film Commission Torino Piemonte e della Regione Piemonte (Piemonte Doc Film Fund - Fondo regionale per il documentario - post produzione aprile 2008), Provincia di Modena, Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna, UISP-Peacegames per Adottalapace, Movimenta.
Distribuzione
Programma MEDIA (UE)
Assistente alla regia
Nenad Orucevic
Vendite internazionali
Stefilm International
Premi e festival

         2009 Prix Europe 2009 - selection
19/07/2009 Sarajevo - Sarajevo Film Festival
11/07/2009 Casalecchio di Reno - Centro sportivo S. Allende
      7/2009 Bardonecchia (TO) - Documentary in Europe
      6/2009 Genova Genova Film Festival
      3/2009 Torino - Piemonte Movie 2009- Un anno di cinema sotto la Mole
21/01/2009 Trieste - Trieste Film Festival - 2° Classificato Premio del Pubblico concorso Doc
28/11/2008 Milano - Festival Filmaker di Milano   
     11/2008 Amsterdam - IDFA International Doc Film Festival Amsterdam

Contatti
Stefilm International